Essere comandato

246Report
Essere comandato

Naomi Price stava affrontando una crisi non causata da lei stessa, ma che solo lei poteva capire come risolvere.

Aveva 38 anni e la sua carriera stava andando bene. Ma sua figlia di 14 anni frequentava una scuola privata. Lei e suo marito avevano divorziato poco dopo la sua nascita. Il suo mantenimento dei figli non aiutava Naomi a sbarcare il lunario. Inoltre, la carriera del suo ex era andata nel serbatoio; lavorava solo part-time e riusciva a malapena a cavarsela da solo.

Un anno prima, Naomi aveva collocato sua madre in una struttura di residenza assistita. Anche se era molto più carino di una casa di cura, era costoso. I risparmi e il portafoglio azionario di sua madre si esaurirono presto. L’assistenza governativa non copriva i costi e Naomi aveva difficoltà finanziarie.

Era riuscita ad accettare progetti extra al lavoro, ma le 60-70 ore settimanali la stavano logorando.

Quasi per disperazione, ha chiesto di incontrare l'amministratore delegato dell'azienda. David aveva circa cinquant'anni e piaceva a tutti. Nonostante fosse un uomo d'affari di grande successo con centinaia di milioni di dollari, trattava i suoi dipendenti bene e con rispetto.

Il suo capo ha detto a Naomi che stava sviluppando un nuovo progetto e che credeva che sarebbe stata la persona giusta. Ha detto che l’orario sarebbe stato “normale” e che il finanziamento per il progetto sarebbe stato in grado di darle un significativo aumento di stipendio. Per la prima volta dopo mesi, Naomi si sentì come se un grosso peso le fosse stato tolto dalle spalle.

"Domani avremo una riunione organizzativa all'Omni Hotel", ha detto David. “Questo accordo si realizzerà, ma lo terremo davvero segreto finché non sarà pronto per il lancio. C'è una sala conferenze al quarto piano che è fuori mano. Quando arrivi alla reception, dai loro il tuo nome e loro ti daranno le indicazioni. La riunione inizia all'una.»

"Grazie mille, David", disse mentre si alzava per andarsene. "Non posso dirti quanto questo significhi per me."

DIVERSE TIPOLOGIE DI INCONTRO

Naomi lasciò l'ufficio e prese un taxi per l'Omni. Indossava uno dei suoi abiti più eleganti: giacca grigio scuro, gonna a tubino abbinata e camicetta rosa chiaro. Il fatto che fosse stata scelta per questo progetto speciale aveva dato una spinta alla sua fiducia e si diresse con sicurezza alla reception. L'impiegato le diede indicazioni per la sala conferenze. Mentre si allontanava, non poteva vedere che aveva un sorriso complice sul volto.

Trovò la stanza, aprì la porta ed entrò. Si sorprese che fosse semibuio e che ci fossero solo due sedie da ufficio. David era seduto in uno di essi ma appena entrato si alzò.

"Naomi, sono così felice che tu sia riuscita a venire", disse, passandole accanto e chiudendo la porta. "Siediti."

Noemi era confusa. "Dov'è il resto della squadra?"

"Ci siamo", ha detto. David sembrava 10 anni più giovane della sua età. Si allenava regolarmente e aveva un fisico solido. Aveva iniziato a perdere i capelli intorno ai 30 anni e poi aveva iniziato a radersi la testa calva. Portava occhiali dalla montatura d'acciaio, dietro i quali si nascondevano occhi azzurri d'acciaio.

"Non capisco. Siamo solo noi due."

Il sorriso di David potrebbe essere meglio descritto come feroce. "Potresti dire che. Lasciatemi spiegare.

“Ho la reputazione di essere un bravo ragazzo e un buon capo. E io sono. Ma ho alcuni hobby che sono privati ​​e che alcune persone disapproverebbero.

“Ti offrirò un accordo. Ti possederò, prenderò il tuo corpo, ti possederò. In cambio, ti offrirò pagamenti privati ​​che raddoppieranno le tue entrate”.

Naomi si appoggiò allo schienale della sedia come se avesse ricevuto uno schiaffo. Non poteva credere che il suo capo le stesse facendo una proposta del genere. Quando lui disse: "prendi il tuo corpo, possiedi", lei sentì un brivido lungo la schiena. Ma lei non era affatto disposta ad accettare l'accordo.

"Signore, non posso credere che mi stia costringendo, ricattandomi in questo modo", disse alzandosi. “Sai quanto mi serve per guadagnare più soldi. Ma non posso farlo.

Anche David si alzò e le si avvicinò. “Non hai scelta. Se rifiuti, non posso darti alcuna garanzia sul futuro della tua posizione. Sai quanto sono volatili il nostro settore e il mercato del lavoro. Potresti rimanere senza lavoro entro un mese.

Naomi non poteva credere che stesse facendo quel tipo di minaccia. "Bastardo", disse, iniziando ad agitare la mano per schiaffeggiarlo in faccia. Le afferrò il polso prima che potesse entrare in contatto, poi le girò il braccio dietro la schiena.

"Owwwwww."

“Mia cara, la decisione è stata presa… da me. Questa è la mia sala conferenze speciale, uno dei posti vicino al lavoro dove posso dedicarmi ai miei hobby. È insonorizzato, quindi urla quanto vuoi, se lo desideri."

Con il braccio girato dietro la schiena, Naomi fu costretta a camminare verso una tenda che non aveva notato. Si spostarono in un'area più grande della stanza che era ben illuminata. Poteva vedere un grande letto matrimoniale e molte attrezzature e apparati.

Lui le afferrò il colletto della giacca, tirandolo giù per le braccia, lasciandole andare il braccio. Inciampò a pochi passi di distanza.

“Nooooo. Per favore. Cosa farai? Per favore, lasciami in pace, non farlo.

Le fu addosso rapidamente, afferrandole i polsi e trascinandola verso un congegno di metallo che aveva una barra alta circa otto piedi ed era fissato al pavimento.

“Mio caro, hai mai fatto bondage, restrizioni? È una grande festa del mio hobby.

Lei non rispose ma lui le legò rapidamente i polsi a due cinturini in velcro appesi alla barra superiore e altri due le assicurarono le caviglie alla larghezza delle spalle. L'improvvisa impotenza la lasciò senza fiato.

“NOOOOO. PER FAVORE. LASCIAMI ANDARE. NON MI PIACE.

David la ignorò e cominciò a togliersi i vestiti. Giacca, cravatta, camicia, pantaloni, scarpe e calzini. Ben presto si ritrovò di fronte a lei indossando solo i boxer. La sua erezione era evidente, tendendo la parte anteriore dei suoi pantaloncini. Aveva uno spesso tappeto di peli sul petto neri e grigi.

Naomi stava lottando inutilmente per liberarsi, i suoi movimenti le facevano scompigliare i capelli e far rimbalzare i suoi seni pieni. Gli occhi di David brillavano. Pensava che spezzare quella donna vivace sarebbe stato un piacere speciale.

Le sue mani forti le afferrarono la testa, tenendola ferma. Si sporse in avanti e le baciò le labbra carnose. Lei resistette mentre la sua lingua cercava di farsi strada nella sua bocca. Lui si tirò indietro e le sputò una quantità di saliva sulle labbra, poi la leccò.

"Adesso apri la bocca, stronza."

La sua bocca si schiacciò di nuovo contro quella di lei e le diede un forte schiaffo sulla guancia. La sua bocca si spalancò per lo shock e la lingua di lui scivolò dentro. Era forte ed esigente, si sfregava contro la sua lingua.

Lei gorgogliò e gemette mentre la sua bocca veniva sopraffatta dalla sua lingua insistente. Respirava pesantemente per lo sforzo di tenere sotto controllo le sue emozioni mentre il suo corpo veniva stimolato e aggredito.

Soddisfatto del bacio dell'anima, David fece un passo indietro. “Naomi, sei una donna bellissima e sexy. E spero che ti piaccia il sesso perché ne avremo in abbondanza per le prossime due ore.

Le sue parole caddero su di lei come massi. Lei lo guardò e scosse la testa. "No, per favore, ti prego", disse con un sussurro appena udibile.

Era pronto a vedere di più il suo compagno di giochi. Le sue mani si spostarono sulla camicetta di seta, le sue dita tracciarono leggermente il tessuto. Naomi abbassò lo sguardo per osservare le sue mani muoversi dalle sue braccia alla parte superiore del petto e poi sul suo stomaco. Non le toccò il seno.

Poi mise ciascuna delle sue mani appena dentro la scollatura della camicetta. I suoi occhi incontrarono i suoi e un sottile sorriso era sulle sue labbra.

Afferrando il materiale, le sue mani forti strattonarono in direzioni opposte. Si udì uno strappo e i bottoni volarono mentre lui le strappava la camicetta, esponendo il reggiseno di pizzo.

“NOOOOO, GAAAWWWDD, PER FAVORE. Cosa fai?"

"Non preoccuparti; Ho dei vestiti da farti indossare a casa. E ti risarcirò volentieri per eventuali danni subiti.

Fece qualche passo verso un tavolo e tornò con le forbici. Fece un piccolo taglio sul retro della camicetta e poi lo usò per strapparla completamente dal retro fino al colletto. Ancora qualche taglio e strappo e le maniche divennero strisce di stoffa. Ciò che restava della camicetta le pendeva intorno alla vita.

"Meravigliosa. Semplicemente meraviglioso”, disse David in un sussurro basso e sibilante. Naomi vide che i suoi occhi fissavano i suoi seni 34-D nel reggiseno di pizzo grigio chiaro. Il suo respiro era affannoso e i suoi tumuli rimbalzavano nelle tazze.

Le sue mani presero possesso dei suoi seni e lei piagnucolò in segno di protesta, ma ammise anche che le sue carezze la facevano sentire bene. Naomi poteva dire che i suoi capezzoli si stavano indurendo ed era arrabbiata perché il suo corpo stava reagendo alla forzatura.

I pollici di David sfiorarono le protuberanze indurite all'interno delle coppe del reggiseno. Il materiale di pizzo combinato con il modo in cui lui le toccava il seno non faceva altro che aumentare la sua eccitazione.

"È ora di sbarazzarsi di questo." Le sue mani afferrarono le coppe del reggiseno e l'indumento non poteva competere con la sua forza. Aprì le tazze e tutto ciò che rimase furono alcuni ciuffi di tessuto di pizzo.

Naomi chiuse gli occhi e la sua testa sbatté avanti e indietro, scompigliandole ulteriormente i capelli. Sentire il seno esposto in modo così improvviso e controllante era qualcosa che non aveva mai sperimentato. È stata costretta contro la sua volontà. Violentata.

Le mani di David tornarono sui suoi tumuli esposti, le sue mani alternavano morbide carezze a sfregamenti duri ed esigenti. Le spinse entrambi i seni contro il petto, i capezzoli eretti che premevano contro i suoi palmi. Poi strofinò e ruotò le mani, massaggiandole le tette schiacciate sul busto.

Naomi poteva sentire un formicolio nella spina dorsale e nel seno, e la sensazione si stava trasferendo alla sua vagina. Era completamente eccitata da questi preliminari energici.

I suoi pollici e i suoi indici catturarono ogni bocciolo turgido e li fecero roteare e stuzzicare, facendoli oscillare e facendoli danzare sulle punte dei suoi tumuli.

"Dimmi che vuoi la mia bocca sulle tue tette."

Gli occhi di Naomi si aprirono di scatto e guardò nei suoi occhi blu acciaio. Voleva in qualche modo continuare a resistere.

"No", sibilò in un basso sussurro.

Le sue dita le strinsero i capezzoli, torcendoli dolorosamente. Lei sussultò e pensò che stesse cercando di togliergliele dal seno.

Con un sospiro agonizzante che le uscì dai polmoni, Naomi capì di essere stata picchiata. "Io... voglio... la tua bocca... sulle mie tette."

"Che cos 'era questo?" Stava ulteriormente stabilendo il suo controllo.

Gettò indietro la testa e ad alta voce diretta al soffitto ripeté la sua richiesta. "Voglio la tua bocca sulle mie tette."

La bocca di David poi le coprì il seno destro, le sue labbra, la lingua e i denti lavorarono abilmente sulla punta del monticello e sul capezzolo vigile. Era già una protuberanza indurita, ma sembrava diventare sempre più dura e grande man mano che mostrava le sue abilità orali. L'altro seno veniva accarezzato da una mano mentre l'altra mano si abbassava per accarezzarle il culo pieno e sodo.

Lui tirò la parte inferiore del suo corpo verso il suo e lei poteva sentire la sua erezione attraverso i pantaloncini e la gonna. Non poteva esserne sicura, ma sembrava un piccolo tronco.

David ha cambiato seno, quello che ha lasciato era lucido e lucido con la sua saliva. Attaccò la bocca all'altro monticello mentre la sua mano lavorava sull'altro seno, strofinando lo sputo sul bocconcino e stuzzicandolo avanti e indietro.

Le sue gambe cominciavano a tremare e sentiva che l'unica cosa che la teneva dritta erano le cinghie intorno ai polsi.

Una volta soddisfatto a sufficienza il suo bisogno di giocare con il seno, David camminò dietro Naomi. Lui le afferrò i fianchi e le tirò indietro il culo contro il suo inguine e di nuovo sentì il suo grosso cazzo rigonfio premuto contro di lei.

Trovò il bottone sul retro della gonna, lo liberò e poi fece scorrere lentamente la cerniera fino a destinazione. Con le gambe divaricate dalle cinture, abbassare e togliere la gonna non era possibile. Ciò ha contribuito a fermarlo. Le sue mani forti afferrarono nuovamente il tessuto vicino al punto in cui terminava la cerniera e dopo due tentativi riuscì finalmente a rendere il tessuto. Il rumore della stoffa strappata sembrò quello di uno sparo e lui strappò il vestito fino all'orlo. È caduto a terra.

Il cazzo di David pulsava, ma si costrinse ad essere paziente. Tornò davanti a Naomi. Il suo dito indice tastò il cavallo delle sue mutandine di pizzo e sentì l'umidità.

"Bene, bene, in base alla durezza dei tuoi capezzoli e all'umidità che sento... sembra che ti piaccia."

Noemi non ha risposto. Ma mentre continuava a stuzzicare la sua fessura umida attraverso il materiale sottile delle sue mutandine, i suoi fianchi dondolavano per aumentare il contatto.

Le sue dita stavano lavorando sotto le fasce delle gambe delle sue mutandine, tirandole leggermente per testarne l'elasticità. “Questi dovranno venire via. Come pensi che dovrei procedere?"

Naomi si sentiva agitarsi dentro, c'erano formicolii che le correvano lungo la schiena, dai capezzoli alla figa. Si sentiva stordita.

"Immagino... che dovrai... strappare anche loro."

Aveva appena finito di pronunciare quelle parole quando lui si tolse velocemente le mutandine con volant. Se li portò al viso e annusò la sua fragranza, quindi li spinse in faccia a Naomi in modo che non avesse dubbi sulla sua eccitazione. "Apri la bocca." Appallottolò le mutandine e gliele infilò in bocca.

SUCCHIA E SCOPA

David si inginocchiò e liberò le caviglie di Naomi e poi fece lo stesso con i suoi polsi. Ha quasi perso l'equilibrio; indossava ancora i tacchi e le calze autoreggenti. Parti della camicetta e del reggiseno rovinati pendevano ancora dal busto. Lui li liberò rapidamente e poi la condusse verso il letto king-size.

"Mettiti in ginocchio e toglimi i pantaloncini", ordinò. Ha fatto come era vecchia.

Le sue dita afferrarono la cintura dei suoi boxer. Stava osservando bene il suo rigonfiamento e sembrava grande. Ebbe difficoltà a far scendere i suoi pantaloncini sulla sua erezione, ma quando la liberò, sussultò mentre si liberava.

Immaginò che fossero 10 pollici, forse fino a 12 pollici. Le sue vene erano visibili e pulsavano e la testa del suo cazzo era un bulbo viola scintillante di precum.

"Succhiamelo", disse, togliendole le mutandine dalla bocca.

La afferrò dietro la testa e spostò il suo viso verso il suo cazzo. Usò una mano per avvolgerne la base per avere un po' di controllo. La sua lingua lambì la testa gonfia, leccando il precum e rendendolo ulteriormente lisciante.

Naomi spalancò la bocca e lasciò scivolare dentro la parte superiore del suo cazzo. David gemette quando sentì la sua lingua morbida e bagnata e la sua bocca calda sul suo cazzo. Sapeva che non sarebbe durato a lungo, ma sapeva anche che era pronto ad avere diversi orgasmi.

La parte del suo cazzo che non riusciva a entrare in bocca la accarezzò con entrambe le mani. Poteva sentire il suo calore e la pulsazione nella sua verga carnosa.

Quando lei mosse la lingua e questa roteò sopra la testa del suo cazzo, David sentì il suo sperma ribollire attraverso le sue palle. Naomi poteva sentire lo scatto arrivare ma era così potente che le schizzò in fondo alla gola e le spinse la testa via dal suo cazzo. Tutto ciò significava che le esplosioni successive le mandarono lo sperma cremoso sul viso. Prese il controllo, appoggiandosi all'indietro e afferrando il gambo, puntandolo verso il basso in modo che il bagno di sperma continuasse sulla parte superiore del petto e sul seno.

Naomi aveva una mezza dozzina di macchie di sperma sul viso e altrettante sul corpo. David si mise in ginocchio. Le sue dita raggiunsero il suo viso, raccogliendo lo sperma e costringendola a leccarlo per pulirlo. "Usa le mani, togli tutto quello sperma dal tuo corpo e mangialo."

Dopo il suo spuntino ricco di proteine, David la aiutò ad alzarsi in piedi. Rimase in trance, incapace di muoversi, aspettando la prossima mossa sessuale del suo partner. Il suo corpo tremava, non per la paura ma per l'eccitazione e l'attesa.

Si avvicinò a un armadietto vicino e rimosse alcune attrezzature. C'era un bar con le manette. Glielo mise dietro il collo e le legò i polsi, poi la spinse di nuovo sul letto. Successivamente, le cinghie in velcro attaccate alle corde sono state fissate attorno alle sue caviglie. Tirò le corde attraverso due fori nella barra. Lei grugnì quando il suo corpo fu piegato a metà, le sue gambe aperte, la sua figa completamente esposta.

Successivamente, le ha forzato un bavaglio in bocca e glielo ha assicurato intorno alla testa. "Mi piace sentire i suoni ovattati che farai."

Alla fine, prese due pinze imbottite attaccate a una catenella corta e le agganciò ai suoi capezzoli eretti. Fu più spiacevole che doloroso, ma lei spalancò gli occhi e, come aveva previsto, le sue proteste furono imbavagliate. “MMMMFFAMMMMAAA”.

Tirò il suo corpo legato al bordo del letto e si inginocchiò. Le sue labbra vaginali brillavano per l'umidità della sua eccitazione. I suoi pollici le aprirono il sesso, rivelando la camera interna rosa. La sua bocca si appiccicò al suo monticello, coprendolo con la sua calda umidità. I suoi fianchi si sollevarono al contatto.

Mentre i suoi pollici la tenevano aperta, i suoi indici si spostarono sulla parte superiore della fessura e iniziarono ad accarezzare il duro bottone del suo clitoride. Lei gemette contro il bavaglio. La sua lingua circondava la sua vagina, leccandole le labbra e lambendo i suoi succhi. Il suo dito orale si immerse poi profondamente nella sua cavità liscia. “MFHGAAAGGHHHMMMMFFFFF.”

Il suo attacco sessuale orale sulla sua figa indifesa stava avendo l'effetto desiderato sul suo cazzo. Mentre la sua spessa verga di carne cresceva alla massima attenzione, poteva sentire un altro carico di sperma agitarsi nelle sue palle.

David si alzò e Naomi alzò la testa per vedere cosa stava succedendo. Vide che il suo bastone era completamente eretto e rabbrividì alla prospettiva di quel cazzo lungo e largo che la invadeva.

Strinse la base del bastone e strofinò il cazzo su e giù sulle labbra lucide di lei, usando la testa gonfia per schiacciare e stuzzicare il suo clitoride sensibile. Il suo sperma e i suoi succhi hanno reso succosa la sua fessura. Lei gemette nel bavaglio mentre sentiva il suo cazzo provocante e sentiva i suoni morbidi dell'eccitazione sessuale.

Soddisfatto che fossero entrambi pronti, David posizionò la protuberanza gonfia del suo cazzo contro le labbra esterne della figa pulsante di Naomi. Stava ansimando per respirare attraverso il naso e attorno al bavaglio mentre il suo petto si sollevava con innegabile eccitazione. Il suo cazzo sondava con insistenza l'anello elastico della vagina di Naomi, preparandosi ad accedere al nucleo più profondo del suo essere sensuale.

Con un grugnito, si spinse in avanti, impalando Naomi sull'asta rigida, riempiendola completamente con una spinta. Il suo strillo acuto di soddisfazione e disagio veniva soffocato dal bavaglio, i cui bordi erano lucidi mentre la sua saliva colava attorno ad esso.

Lo stomaco di David tremò alla sensazione squisita della sua virilità avvolta nel morbido guanto di velluto bagnato del suo tunnel dell'amore. Nonostante abbia dato alla luce sua figlia, la fica di Naomi era ancora stretta e il fatto che il suo cazzo fosse così grosso e lungo non faceva altro che aumentare la perfetta vestibilità.

Permise al suo cazzo di sistemarsi, senza muoverlo dentro e fuori ma semplicemente flettendolo in modo che lei potesse sentire il suo potere e il suo controllo. Poi lo ritirò lentamente finché solo la testa bulbosa del suo cazzo fu racchiusa nell'ingresso elastico del canale della sua figa. Di nuovo, fletté il suo grosso cazzo, muovendolo in modo che la punta della sua verga stuzzicava la bocca appiccicosa della sua figa. Naomi, nonostante le restrizioni, stava muovendo i fianchi nel tentativo di riconquistare la sua virilità impalata.

Lei realizzò il suo desiderio mentre lui si tuffava nuovamente in avanti, col suo cazzo che la riempiva nuovamente completamente. Ora, ha iniziato a ritirarsi e ad avanzare lentamente, il suo cazzo che si muoveva dentro e fuori, scopandola in modo fluido e deliberato. Ogni volta che completava il suo viaggio, l'aria usciva dai polmoni di Naomi. Era sorpresa di non avere problemi a sopportare tutta la sua virilità.

Per un uomo che poteva assecondare le sue abitudini sessuali per capriccio e non mancava mai di scopare una volta al giorno, questo incontro stava mandando la sua libido a livelli eccessivi. Il suo piano per costringere il suo adorabile impiegato si era rivelato migliore di quanto pensasse. Naomi si stava rivelando una gran scopata e il fatto che lui le avesse imposto la sua volontà aveva acceso le sue passioni.

David respirava affannosamente mentre cominciava a scopare davvero il suo partner. Invece di colpi lenti e costanti, iniziò a spingere il suo cazzo dentro e fuori dalla sua fica, scopandola forte e velocemente, la fine di ogni incursione del suo cazzo terminava con una collisione tra i loro inguini che produceva un forte suono di schiaffi.

Nonostante il carico che aveva depositato in precedenza, poteva sentire il proprio sperma ribollire e agitarsi nel calderone serrato delle sue palle, un piccolo sussulto strozzato sibilò tra i suoi denti serrati mentre sentiva il flusso del suo sperma ardente correre per tutta la durata dei suoi spasmi. pene ed eruttano nella fica di Naomi con grandi getti cremosi di sperma bianco latte, ricoprendo l'interno della sua figa.

Mentre sbatteva rigidamente il suo cazzo fino in fondo e raggiungeva l'orgasmo, raggiunse la catena che collegava il morsetto ai capezzoli di Naomi. Lui sussultò e liberò le sue protuberanze, suscitando uno strillo acuto. Il piacere-dolore delle punte delle sue tette che venivano rilasciate dai morsetti mandò un'ondata di eccitazione nella sua fica e sentì la sua figa stringergli il cazzo. Il suo sperma che sgorga in profondità nella sua figa la spinse oltre il limite. Mentre l'orgasmo le tormentava il corpo, i suoi occhi erano chiusi e poteva vedere un caleidoscopio di luci.

David tirò fuori il suo cazzo ancora zampillante dalla sua figa stretta. I suoi ultimi scatti depositarono il suo sogno di cazzo sui suoi peli pubici tagliati e sul suo monticello gonfio. Lo sperma che aveva depositato all'interno stava cominciando a fluire verso l'esterno mentre le pareti di Naomi si contraevano per le scosse di assestamento del suo orgasmo.

Se non fosse già evidente, il capo di Naomi era un deviante sessuale che oltrepassava i limiti. Mentre guardava il suo cazzo appoggiato sul suo monticello prominente, vide lo sperma che scorreva dal suo lavoro. Si inginocchiò e cominciò a succhiare il suo sperma, combinato con le secrezioni di Naomi.

Dopo aver bevuto un boccone, è salito sul letto e ha tolto il bavaglio. Naomi sussultò di sollievo ma prima che potesse chiudere la bocca, lui si avvicinò a lei e aprì la sua, depositando un grumo schiumoso di sputo, il suo sperma e i suoi succhi. Poi strinse le labbra alle sue e la sua lingua mescolò il liquido. Alla fine, con un paio di sorsi, deglutì.

Inginocchiandosi accanto a lei, slacciò le cinture, liberandole i polsi e le caviglie. È crollata in un mucchio come una bambola di pezza. Era così vicina al bordo del letto che scivolò sul pavimento e si accasciò come un tappeto.

David poi si alzò dal letto, le prese le mani e l'aiutò ad alzarsi. Lei lo guardò, i suoi gelidi occhi azzurri la fissavano con soddisfazione e apprezzamento.

"Hai fatto bene", disse. “Accettare il nostro accordo era la cosa da fare. Penso che i tuoi problemi finanziari scompariranno nel giro di un mese circa quando inizierai a essere pagato. Ricorda solo che questo è un accordo finché non decido di scioglierlo.

Le afferrò il mento con la mano e si assicurò che lei lo guardasse direttamente negli occhi. “Il tuo corpo ora è mio e lo possiedo quando e come voglio. Sembra certamente che tu abbia potuto divertirti. E penso che man mano che continuiamo, il tuo divertimento e il tuo piacere aumenteranno.

Naomi si sorprese elaborando le sue parole e accettando il suo destino. Rendendosi conto che era diventata un gioco sessuale per il suo capo, non era nella posizione di resistere.

Indicò una porta. “C'è un bagno con doccia, tutti gli articoli da toeletta di cui potresti aver bisogno. Troverai un vestito nuovo e c'è una busta con 1.000 dollari che dovrebbero più che coprire quello che indossavi oggi."

CONTINUA (PROBABILMENTE)…

Storie simili

Una tribù per Tethys, parte 2 capitolo 10

Una tribù per Tethys: Parte 2 Capitolo 10: Megan, incontra Hera! Megan è silenziosa per la maggior parte del viaggio di ritorno al mio appartamento dopo che abbiamo lasciato la casa di Carl, e mentre sono curioso di sapere cosa sta pensando, è anche un'opportunità per me di esaminare alcuni dei miei pensieri. Molte cose sono cambiate, per tutti noi, in pochissimo tempo. Abbiamo lasciato Sonia con Carl, ha promesso di portarla a casa una volta concluso l'ultimo accordo d'affari. Carl sta stipulando un contratto personale con Sonia, per lavorare per lei a tempo pieno come istruttore personale di fitness e...

492 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

398 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

523 I più visti

Likes 0

Come ho pagato il college

- Questa è finzione gay. Se non ti piace leggere cose gay, smetti di leggere e non votare. Se hai intenzione di votare negativamente o scrivere commenti sgradevoli, critica la mia grammatica e ortografia, non l'argomento - Questa è un'opera di finzione completa. Nulla in questa storia è realmente accaduto e le persone non sono reali. - Se spari un carico mentre o dopo aver letto questo, fammi un favore e premi il pulsante di voto positivo perché significa che probabilmente ti è piaciuto. Sentiti libero di mandarmi un PM per farmi sapere cosa ti è piaciuto Durante l'estate del 2003...

526 I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

390 I più visti

Likes 0

Feticismo del pannolino

Fin da piccola ho sempre avuto il fascino di indossare i pannolini. Crescendo ho imparato che non ero solo. Ma niente avrebbe potuto prepararmi per la notte in cui si unirono mia moglie e la sua amica. Avevo confessato a mia moglie il mio feticismo per i pannolini e lei mi ha raccontato di come aveva sempre desiderato una cosa a tre. Aveva partecipato a innumerevoli sforzi con me, quindi una notte abbiamo deciso di realizzare i suoi e aggiungere qualcosa per farmi felice. Finalmente era giunta la notte, la sua amica Samantha stava arrivando in città. Le aveva raccontato di...

334 I più visti

Likes 0

Janice Pt. Controllata dalla Mente 11c

Brian era contento di usare il controllo mentale che Janice avesse trascorso gli ultimi tre giorni vivendo con lui e avrebbe dovuto trascorrere altri quattro giorni con lui. Le menti del marito e dei figli di Janice erano state influenzate in modo tale da non sentire la sua mancanza. Ieri aveva invitato tre amici a casa sua e tutti e quattro avevano scopato più volte una volenterosa Janice. Sbe stava facendo quello che voleva all'inizio della giornata in cui aveva pulito la sua casa per lui mentre era nuda, fermandosi solo per lasciare che Brian la scopasse in bagno. In quel...

275 I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.3K I più visti

Likes 0

Andare a lontano

Quando faccio scivolare la mia mano tra le tue gambe e dico Questo è mio, siamo chiari. Il sesso non è la risposta. Il sesso è la domanda. Sì è la risposta. Nicole mi ha visto in coda al ricevimento di nozze di sua sorella. Eccomi fuori come se fossi appena uscito da GQ. Mi sto muovendo lentamente verso di lei. Nicola trattenne il respiro. Doveva incontrarmi. Nicola si guardò intorno. Mi ha visto dall'altra parte della piscina. Sembravo sulla cinquantina. Sono più alto di chiunque altro nella sua famiglia italiana. Nicole ha indovinato che sono alto un metro e ottanta...

624 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

504 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.