CAW#11 - Giorno d'inverno freddo

595Report
CAW#11 - Giorno d'inverno freddo

Era una fredda notte d'inverno, nel tardo autunno. La nebbia era calata; poco prima di mezzanotte e gradualmente ha ricoperto le strade. L'aria era piena di nebbia e la visibilità stava diventando difficile, mentre camminavo per le strade della città.

Il mio magnaccia costretto a lavorare per strada stasera. Speravo in una notte proficua; per tenere lui e i suoi scagnozzi lontani da me e dalla mia famiglia.

Mi chiamo Louise e sono una madre single di 21 anni, e anche una prostituta. Ho una figlia di tre anni, Misty (Melissa). Era assistita da un caro amico.

Il mio corpo snello e incorniciato sentiva ogni gelido soffio d'aria, stanotte. Sono alto 5 piedi e 7 pollici e peso 103 libbre; e stasera non ero vestito in modo appropriato per gli elementi. Ero più preoccupato di guadagnare soldi, che di vestirmi adeguatamente. Quando ho iniziato il mio percorso serale, alle 20:00, non faceva così freddo. Era appena passata la mezzanotte, e non era il caso adesso.

L'unica protezione dalle intemperie che indossavo erano le mie calze a rete, la minigonna in lattice nero, la canotta nera, il corsetto di pizzo rosso e nero ei miei stivali neri al ginocchio. Non indossavo reggiseno o mutande ma un reggicalze. Per fortuna indossavo anche la mia giacca di finta pelliccia di visone, altrimenti sarei morta di freddo. Rabbrividivo mentre camminavo stringendo la mia giacca di pelliccia, mentre mi si formava la pelle d'oca, sulle cosce e sul petto, per l'aria fredda.

Ho cercato di non stare in un punto troppo a lungo, o il freddo avrebbe iniziato a mordere la mia pelle già gelida.

Decidendo che era un po' troppo nebbioso e freddo, per essere vicino all'area del parco, così mi sono incamminato verso il quartiere del cibo.

Si potevano sentire i suoni rimbombanti di un vicino night club.
Mi trovavo non lontano da un vicolo che portava sul retro di alcuni ristoranti. C'erano bidoni della spazzatura, cassonetti e roditori selvatici, vicino a dove mi trovavo. Ho acceso una sigaretta e ho semplicemente guardato, mentre le persone partivano per i taxi o le loro macchine.

Io mentre fumavo, che la maggior parte dei ristoranti chiudeva o chiudeva, per la notte.

Mentre stavo tirando l'ultima boccata di sigaretta, un uomo ha notato la mia immagine da lontano. Ora stava camminando verso di me.

Più si avvicinava e più lo fissavo. Era calvo e aveva la testa rasata e indossava un trench nero. Indossava stivali rumorosi. Potevo sentire ogni singolo passo che faceva, mentre si avvicinava a me.

Feci un respiro profondo e lanciai la mia sigaretta, poiché ora era a pochi passi da me.

"Ehi tesoro, dannazione sei uno schianto", disse, con le mani in tasca.

"Perché, grazie, e cosa ti porta qui a quest'ora della notte", ho chiesto.

"Oh, non lo so, ho appena finito un incontro di lavoro e poi la cena", ha risposto.

"Stai cercando il deserto", ho chiesto, e ho sollevato una gamba e l'ho appoggiata sopra un bidone della spazzatura.
"Oh dipende, cosa stai offrendo", disse, fissando la mia gamba.

"Hmmm, vediamo, $ 50 per una bocca piena, $ 100 per il sesso, $ 200 per i lavori", ho detto.

Si frugò nelle tasche e mi fece un sorrisetto. Mi hanno dato cento dollari in banconote incasinate. Annuii e misi i soldi nel marsupio.

Mi condusse più avanti nel vicolo, lontano dalle luci e dagli occhi indiscreti. Abbiamo trovato un posto appartato e lui mi ha baciato il collo. Mi appoggio a un muro di mattoni freddo e umido.

Mi dimeno e mormoro, mentre lui mi bacia e mi morde il collo. Poi mi ha stretto i seni e ha tirato giù la parte superiore del corsetto. I miei seni ora sentono l'aria fredda dell'inverno. La pelle d'oca si sviluppa sulla mia pelle, dal freddo.

Adesso smette di baciarmi il collo e comincia a mordermi e succhiarmi i capezzoli. Mentre li stringiamo e torchiamo grossolanamente.

La sua attenzione era sul mio seno sinistro e ogni tanto mi baciava di nuovo il collo. Ero così preso da questo, i miei occhi lampeggiavano e ho emesso lenti gemiti.

Mentre stava per baciarmi la bocca, l'ho fermato con la mano libera. Toccai i suoi pantaloni rigonfi e lentamente gli aprii la patta. Poi gli ho tirato fuori il cazzo dalle mutande e ho cominciato ad accarezzarlo.
Mi ha baciato il collo mentre gli accarezzavo il cazzo, finché non è diventato duro e luccicante di pre-cum.

Ha smesso di baciarmi e mi ha guardato giocare con il suo cazzo. L'ho guardato negli occhi e gli ho sputato una goccia di saliva sul cazzo. Ho accarezzato la mia saliva e il suo pre-cum, sul suo cazzo duro.

Mi ha accarezzato il seno mentre gli accarezzavo il cazzo. La mia bocca era spalancata e i miei occhi tremolavano, come se fossi sotto l'effetto di una droga da festa.

Fu allora che lo spinsi via da me e contro il muro opposto. Gli tenevo una mano sulla gola e un'altra sul suo cazzo. Mi fissò, inizialmente perplesso.

Si rilassò quando mi abbassai e mi accovacciai. Penso che anche lui sapesse cosa stavo combinando.
Ho aperto la bocca e ho messo il suo cazzo dentro la mia bocca. "Mmmh, mmmh", ho continuato a succhiarlo.

Mi ha accarezzato i capelli. Mi ha ispirato ancora di più a succhiare lentamente e poi un po' più velocemente.

Succhiavo forte intorno alla testa e poi deglutivo profondamente, prima di succhiare di nuovo la testa. Tirava fuori e schiaffeggiava la mia lingua con il suo cazzo, prima di reinserirlo dentro.

Lentamente l'ho preso in gola. Gemette. Ho strillato un po' mentre cercavo aria e la saliva mi colava dalla bocca.
Mentre ansimavo e riprendevo fiato, gli accarezzavo il cazzo.
Lo accarezzo, succhio e lecco la testa e poi lo ingoio. Questo è stato ripetuto più e più volte, per circa cinque minuti.

Per tutto il tempo, cercando di vedere se nessuno stava guardando o avvicinandosi; ogni volta che ansimavo per l'aria.

Mi sollevò e mi fece affrontare il muro. La mia gonna era sbottonata e decompressa ed è caduta a terra. Poi le mie mutandine sono state abbassate e tolte.

Stringendo e poi allargando le mie natiche, mentre sono di fronte al muro. Andava in giro, stringendomi le chiappe, prima di leccarmi il buco del culo. Mi piaceva la sua lingua, che mi ficcava il culo.

Poi mi ha forzato contro i freddi mattoni nebbiosi e ha infilato il suo cazzo nella mia figa bagnata e vogliosa.

"Preservativo", supplicai nervosamente. "Zitta puttana, ho un preservativo", ringhiò.

Mi guardai alle spalle e mi presi i seni nudi per il freddo della notte. Emisi diverse deboli grida; mentre andava in giro fottendomi lentamente, fino a fottermi moderatamente.

Le mie grida divennero sussulti mentre la mia accresciuta eccitazione superava le mie aspettative iniziali. Ero in torrenti e la sensazione mi ha fatto barcollare e inciampare in ginocchio. "Ooh dio, ooh, ooh," gemetti.
Mi ha preso in braccio e si è spinto contro il muro. Ha preso in giro la mia figa, con il suo cazzo prima di inserirlo lentamente nel mio culo. All'inizio mi sono bloccato, perché non mi ha pagato soldi per questo.
"Non faceva parte di", ho cercato di dire. "Chiudi quella cagna, ti ho pagato per farmi scendere", mi borbottò.
In fondo non mi importava, ma non volevo che lo facesse perché amavo l'anale.

Le grida di gioia che stavo mormorando, però, mi avrebbero tradita.
"Ooh sì, ooh, ooh mmmh, ooh", ho pianto e gemuto. Non ho potuto farne a meno.

"Oh cagna, eri così stretto, ora sei perfetto per l'humping", mi ha parlato.
Lo odiavo riferendosi a me una stronza, con il suo tono di voce. Ma le mie grida facevano sembrare che mi piacesse essere chiamato tale.

Quando ha smesso di saccheggiare il mio culo, si è tolto il preservativo e mi ha fatto rimettere in ginocchio. Gli ho succhiato e accarezzato il cazzo, finché non stava per venire.

Mentre gemeva con gli occhi chiusi e stava per venire, ho raggiunto la mia borsa. Quando grugnì e schizzò il suo sperma sulla mia faccia; Ho tirato fuori il mio coltello a scatto e gli ho aperto le palle.

"Puttana", mi ha urlato contro e mi ha schiaffeggiato.
Reagì d'istinto e prese le sue palle sanguinanti. È stato allora che ho visto l'apertura di cui avevo bisogno.
Sono saltato su da terra e gli ho tagliato la gola. Il sangue schizzava e schizzava dallo squarcio nella sua giugulare.
Ho guardato come ho sempre visto la vita della mia vittima svanire lentamente. Poi, mentre prendeva le ultime boccate d'aria, gli frugai nelle tasche e mi servii dei suoi soldi.

Ho usato le mie mutande per ripulirmi dallo sperma e dagli schizzi di sangue. Poi ho tirato su il corsetto per coprirmi il seno e ho raccolto le mie cose.
Tornai a guardare il cadavere della mia vittima e poi lasciai lo stretto crepaccio nel vicolo.

Accesi una sigaretta e proseguii lungo il vicolo; lontano dalla scena del crimine. Non indosso gonna, mutandine e solo corsetto, giarrettiera e tacchi.

Da quando mio zio ei suoi amici mi violentavano da bambino, quello era stato il mio sfogo o vendetta, contro la specie maschile. Se mi trattavano gentilmente, vivevano per scopare un altro giorno. Se hanno usato la parola "B" preferita di mio zio in "cagna", beh, non l'hanno fatto. La vittima di stasera era la numero cinque.

Clip clop clip clop, era il suono dei miei piedi mentre camminavo nell'oscurità.
Quindi si potevano ancora sentire i suoni rimbombanti del night club. Mi appoggiai ai mattoni umidi di un edificio e finii la mia sigaretta.

Quando un giovane che era stato in discoteca mi ha visto e la mia figa esposta; si avvicinò a me.

"Ehi, sto cercando di festeggiare", ha detto.

La Fine, per ora…….

Storie simili

SENZA RISERVE

Brenda Olsen rimase in fila con un po' di impazienza mentre aspettava di registrarsi e di prendere la chiave della sua stanza. Finalmente, mormorò sottovoce, è il mio turno! Come posso aiutarti? chiese allegramente la bionda dall'aspetto disinvolto dietro il bancone. Brenda stava per dare un'occhiata alla donna, ma ci ripensò e rispose: Olsen, Brenda Olsen, ho una prenotazione per tre notti. Uhhhhhh fammi vedere, disse la bionda mentre digitava il suo nome sul terminale del computer delle prenotazioni. Hmmmmmm, non lo trovo qui, lasciami controllare un altro posto......... Brenda picchiettò nervosamente il piede mentre l'impiegato cercava il suo nome. Alla...

356 I più visti

Likes 0

Chat room: una vendetta malvagia della fidanzata

Torni a casa dopo una lunga giornata di lavoro; ti togli il cappotto e vai in cucina per una birra. Quando apri la porta del frigorifero, la tua ragazza si avvicina da dietro, coprendoti gli occhi con una benda. Lo lega stretto essendo un po 'ruvido Ho un osso da scegliere con te !! ti scatta contro. 'Ma che...?! Chiedi, alzando la mano per scoprirti gli occhi. Ti dà uno schiaffo sul dorso della mano e ti afferra il polso tirandoti fuori dalla cucina. Essendo bendato sei disorientato e perdi l'equilibrio, quasi inciampando mentre ti trascina su per le scale. La...

1.5K I più visti

Likes 0

La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre...

1.5K I più visti

Likes 0

Alice viene sposata

[b]Alice si fa l'autostop 7 di Will Buster Come si può immaginare, un'amante incinta e usata può essere piuttosto difficile da scartare. Difficile, cioè, a meno che una cospicua dote non accompagni la vigorosa piccola volpe. Alice non faceva eccezione a questa regola sociale così prevalente nella tarda Inghilterra georgiana. La pancia di Alice era ora piena di bambino sano per le quasi costanti attenzioni amorose di Lord Elton. Il barone del maniero di Kingston si era goduto a fondo entrambi i buchi stretti e reattivi di Alice ormai da mesi, ma mantenendo fede alla sua promessa, era tempo di acquistare...

534 I più visti

Likes 0

Brandy infrange il codice di abbigliamento da lavoro

Ciao, sono Brandy. Ho 28 anni, sono bi sub, 1,70 cm, peso 55 kg, capelli biondi, occhi castani, seno 32C con capezzoli permanentemente eretti (lo sono stati per tutta la mia vita) e una figa depilata... sì, mi sono stufata di radermi e fare la ceretta dannazione, mi fa male. Sono stato un Sub per gran parte della mia vita, anche se non lo sapevo da un bel po'. Preferisco gli uomini, ma ora sono un sub obbediente molto ben addestrato e farò tutto ciò che mi viene detto da un Dom o Femdom. Se hai letto alcuni dei miei altri...

406 I più visti

Likes 0

La dolce piccola Lucy - Una fiaba moderna

Era giovane e fresca, aveva solo 15 anni ma aveva il corpo e l'atteggiamento di un una ragazza più grande avrà diciannove o vent'anni. Lucy era una ragazza popolare e stava facendo bene a scuola. Lucy aveva occhi azzurri profondi e labbra carnose e morbide il bel viso era orlato da lunghi capelli biondi. Le sue tette non erano grandi 34C ma sulla sua corporatura snella sembravano molto più grandi. Erano fermi con piccoli capezzoli rosa e delicati mentre la sua vita era snella e il suo sedere era, beh, il colore pesca era probabilmente il modo migliore per descriverlo rotondo...

359 I più visti

Likes 0

Rhiana diventa multi orgasmica

Rhiana diventa multi orgasmica Passarono altri mesi durante i quali Rhiana mi telefonava regolarmente per aggiornarmi sulla famiglia e sulla sua vita amorosa. Mi ha sempre detto che mi amava ma non poteva allontanarsi per vedermi perché sua madre controllava sempre che avesse davvero un appuntamento sia dal punto di vista della sicurezza sia per assicurarsi che Rhiana non si stesse approfittando di lei. Le avevo detto che poteva sempre venire in giro durante il giorno, ma lei ha detto che il piccolo Harry non dormiva molto adesso e che sarebbe stato difficile per lei ignorarlo mentre cercava di divertirsi. E...

724 I più visti

Likes 0

Quanto di meglio si possa III

Obiettivo 5: preparami un gustoso succo di sperma con un bicchiere pieno. Questo è stato abbastanza facile. Ma tutto ha una parte difficile. Ecco un bicchiere pieno. Rani ha avuto un fottuto lavoro a scuola. Quindi se n'è andata la mattina indossando un sari rosso assassino. Avrei solo voluto andare a scuola. Prima di andarsene, mi ha dato un bicchiere usato per servire lo champagne, si è avvicinata a me e mi ha palpato dolcemente il cazzo. Rani :( sussurrandomi all'orecchio con voce sexy) fallo lavorare. Io: posso usare la tua stanza dei quadri???Sai. Usa la tua TV. ?? Rani: va...

663 I più visti

Likes 0

La mia ragazza e le sue amiche: capitolo uno: club di matematica

Riley, aspetta! L'ho sentita arrivare dal corridoio Ehi Bella, come va? ho chiesto Grazie tesoro, Megan sorrise Mi chiedevo se volevi venire dopo la scuola, potremmo guardare la TV e coccolarci Sì certo, risposi, non solo mi piaceva solo coccolarla, ma di solito portava a un bel lavoro a mano lunga! Fantastico, vieni subito dopo! Disse con un bacio, per poi dirigersi verso la sua migliore amica Tatiana! Dio, quanto mi piaceva uscire con Megan, era alta 5'8, 110 libbre. e praticamente D tette! Si aggiunge alla sua meravigliosa personalità anche con dei bei capelli castani che le scendevano quasi sulle...

519 I più visti

Likes 0

Ricattare Jenny

Ricattare Jenny Sono un ragazzo normale con una vita normale e una buona famiglia. Ho 2 figli e una moglie meravigliosa chi è una tata. Sono un paesaggista e i soldi vanno bene, quindi la mia famiglia sta bene. Io non lavoro per chiunque tranne che per me stesso. Normalmente lavoro solo nei giorni feriali e trascorro del tempo con la mia famiglia fine settimana. Ho 45 anni e sono molto sessuale. Amo il sesso ea volte può essere un po' comune ma a volte Mi chiedo cosa succede se o mi chiedo come sarebbe avere qualcuno giovane per divertirsi. Io...

519 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.