La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

1.6KReport
La vita di Jen - Capitolo sei - Parte prima

La vita di Jen – Capitolo 6 – Parte prima

Varie cose mi restano in mente e le mie vacanze annuali di solito erano piene di eventi. Un anno i miei genitori decisero di affittare una villa a Corfù per 2 settimane e mio nonno e mio zio furono invitati. Sull'aereo dovevo sedermi tra mio nonno e mio zio, ei miei genitori si sedevano dall'altra parte. Mio nonno mi ha messo il cappotto in grembo e ha spinto rapidamente la mia gonna da parte, tirandomi da parte le mutandine e spingendo un dito dritto dentro di me, ho sussultato forte mentre il suo dito mi è entrato con forza. Mio zio si è chinato e mi ha sussurrato "verrai punito per aver fatto rumore" Ho iniziato a tremare perché sapevo cosa significavano per me le loro punizioni. Mio zio mi ha afferrato la gamba più vicino a lui, e questo significava che mio nonno aveva più spazio per ditarmi come si deve. Ho dovuto stare fermo e non fare rumore mentre lui lentamente, poi velocemente spingeva uno, poi due dita dentro di me.

Il nonno ha tirato su di sé un po' del mio cappotto e gli ha messo la mano sull'inguine. Sapevo che voleva che gli accarezzassi il cazzo. I suoi pantaloni erano già slacciati, e io infilai la mano dentro e tirai il suo cazzo. A mio nonno piaceva che gli facessi questo.

Il volo di quattro ore e mezza sembrava impiegare molto più tempo.

Quando siamo arrivati ​​all'aeroporto i miei genitori avevano già prenotato un minibus per portarci alla villa, e quando siamo entrati, mio ​​padre ha fatto sedere mia madre sul sedile posteriore. Ero di nuovo tra mio nonno e mio zio. Potevo sentire mia madre ansimare dietro di me, quindi sapevo che mio padre le stava facendo qualcosa, e quando ha gridato l'autista ha guardato nel suo specchietto retrovisore per vedere cosa stava succedendo. Stavo per girare la testa per vedere se stava bene – ma mio zio ha semplicemente detto “no” – come se mi stesse leggendo nella mente.

Dopo una ventina di minuti siamo saliti su una strada sterrata fino a una grande villa, tutta sola sul fianco di una montagna, con un grazioso patio e una grande piscina. Non vedevo l'ora di immergermi, faceva così caldo.

Mio nonno e mio zio sono scesi per primi e mi hanno detto di aiutare con i bagagli. Mio padre e mia madre sono scesi dopo e ho potuto vedere che mio padre stava giocando con i suoi seni mentre la sua parte superiore era abbassata in modo che fossero scoperti. Era una 36DD e ora da adulta ho solo 36C. Quando erano fuori, l'autista aveva occhi enormi che fissavano mia madre, mentre lei era lì in piedi - in topless. Mio padre gli ha stretto la mano e ha detto grazie, poi ha detto a mia madre di ringraziare anche lui. Si è avvicinata a lui e mio padre ha detto che per ringraziarlo poteva fare un piccolo gioco. Le sue mani andarono dritte ai suoi seni e glieli strinsero, giocando con i suoi capezzoli, tirandoli, torcendoli mentre lei stava lì. Si chinò e li succhiò, leccandoli e succhiandoli dappertutto. Io e mio nonno abbiamo preso l'ultimo bagaglio dall'auto e ci siamo diretti verso la villa. Mio padre disse ancora grazie all'autista e con un ultimo movimento dei suoi capezzoli tornò nel suo taxi. Mio padre gli disse che poteva venire a trovarci in qualsiasi momento prima del nostro ultimo giorno, quando sarebbe venuto a prenderci di nuovo per riportarci all'aeroporto.

Siamo entrati e mio padre ha detto a me e mia madre di andare in salotto. Qui ha stabilito la regola per la vacanza: nessuno di noi due poteva indossare vestiti mentre eravamo alla villa. Stava lì a tendere le mani per i nostri vestiti, quindi dovevamo spogliarci lì e poi. È andato a guardare le camere da letto e ha messo i vestiti di mia madre in una camera da letto e i miei in un'altra. Ero contento di avere un letto matrimoniale. Sapevo che c'era un'altra camera da letto con letti singoli e ho pensato che sarebbe stata mia. Ho chiesto a mio padre se potevo uscire in piscina e lui ha detto di sì. Così mi precipitai fuori e andai nell'acqua calda, era il paradiso. Le porte-finestre erano aperte e potevo subito sentire i rumori dei miei genitori, e poi, mentre la brezza soffiava sulla tenda, potevo vedere i miei genitori e mio zio sul letto. Sembrava che mio zio si stesse facendo succhiare il cazzo mentre mio padre la scopava.

Ho iniziato a nuotare, amando il modo in cui il sole mi sentiva addosso. Mio nonno è uscito e si è seduto nudo sui gradini della piscina. Mi ha detto di nuotare verso di lui e succhiarlo, così l'ho fatto. Mi ha detto di nuotare avanti e indietro succhiandolo ogni volta che raggiungevo la sua fine della piscina. Ero bravo in questo, me lo diceva spesso mio nonno... Adora sentire la mia gola contrarsi attorno al suo cazzo, e l'ho lasciato andare più in profondità del solito perché volevo che sborrasse e sborrasse velocemente.

Ho accarezzato l'area tra il suo cazzo e il suo sedere con un dito, e mio nonno ha spinto ulteriormente la mia testa sul suo cazzo, e quando le sue palle hanno iniziato a stringersi, ho capito che stava per venire.

L'ho succhiato e succhiato più forte, dimenticandomi di nuotare avanti e indietro, preoccupato solo di farlo venire. Di solito impiegava anni per venire solo succhiandolo, e potevo ancora sentire e vedere scorci di mio padre che scopava mia madre, e mio zio le stava ancora scopando la bocca.

Ho fatto quello che odio fare, ma sapevo che avrebbe fatto venire mio nonno... Ho spinto un dito nel suo sedere e l'ho fatto girare. Sapevo che aveva funzionato, il nonno emise un grugnito e mi inondò la bocca con la sua sporcizia. Sapevo che dovevo ingoiarlo, così l'ho ingoiato in uno e mi sono sdraiato nelle acque poco profonde accanto al nonno. Ogni tanto alzavo lo sguardo e vedevo la mamma giocata da mio padre e mio zio. L'ultima volta che ho alzato lo sguardo sembrava che entrambi la stessero scopando. Non mi piace, fa troppo male e il nonno lo fa solo una o due volte al mese, di solito su insistenza di mio zio.

Mia madre è uscita e si è sdraiata sul lettino. Mio nonno si alzò lentamente dalla piscina e chiese a mamma se le sarebbe piaciuto un po' di olio solare su di lei. Faceva molto caldo e lei annuì. Il nonno entrò in casa e tornò con dell'olio. Le disse di girarsi in modo da poterle fare le spalle, e lentamente la coprì dappertutto con l'olio, assicurandosi che le sue natiche fossero coperte. Le aveva aperto le gambe per assicurarsi di poterla coprire bene e aveva passato secoli sul suo sedere. Penso che le abbia infilato un dito nel sedere mentre lei emetteva uno strillo e ha detto al nonno che prima le faceva male. Immagino che mio padre e mio zio si siano alternati nel suo sedere. Non c'è da stupirsi che stesse male. Le disse di girarsi e le strofinò di nuovo l'olio dappertutto, specialmente sul seno, e strofinandole e comprimendole i capezzoli. Ho potuto vedere che aveva segni di morsi sul seno e il nonno si è assicurato che questi avessero molto olio su di loro, strofinandoli e spingendoli forte, abbastanza forte da stringere i denti per smettere di fare rumore

La mano del nonno scese tra le sue gambe e le aprì di nuovo. Versò molto olio sulla sua fica e iniziò a strofinarlo, le dita che si schiacciavano perché ci aveva messo troppo olio. Potevo vedere alcune delle sue dita entrare e uscire dalla fica di mamma emettendo un forte rumore stridente. Mi guardò dritto negli occhi, ma stava guardando attraverso di me. Era nella sua stessa testa e lo sapeva – ho provato a farlo a volte. Mia madre ed io parlavamo spesso di quello che dovevamo fare e di accettare che ci amavano e volevano mostrarci il loro amore, ma a volte, facendo questo, eravamo entrambi feriti. Sapevo che il suo guardare attraverso di me era una di quelle volte.

Sono tornato a nuotare, lasciando che il nonno finisse di metterle una crema solare. Sapevo che anche io avevo bisogno di una crema solare, ma stavo rimandando il più possibile. Ho pensato che se fossi rimasto in acqua sarei andato bene.

Sia io che mio padre siamo usciti fuori con delle bevande, deliziose bevande ghiacciate, e abbiamo detto a me e mia madre di venire a prenderne una. Ho nuotato di lato e sono saltato fuori. Mentre prendevo il mio drink, mio ​​zio mi ha afferrato per un braccio e mi ha tirato in grembo. Ho versato un po' del mio drink sul petto e mio zio l'ha leccato tutto, ma anche dopo averlo leccato tutto ha continuato a leccare, succhiare e poi mordere. Mi piaceva leccare e succhiare, ma mordere, questo faceva molto male. Le mie tette erano un po' cresciute, ma ancora gonfie e molto sensibili, ei miei capezzoli venivano giocati ogni giorno dal nonno o da mio zio, tirandoli, torcendoli, agitandoli, leccandoli, succhiandoli o mordendoli. Erano quasi sempre doloranti. La mamma ci metteva sopra una calda flanella di notte per alleviare il dolore. Ha funzionato.

Ho ingoiato il mio drink e mi sono strozzato. Non ero sicuro di cosa fosse, ma non era succo d'arancia e ghiaccio. Mio zio si è messo a ridere e mi ha detto di finirlo. L'ho sorseggiato la prossima volta, e poi l'ho sorseggiato di nuovo finché non è sparito tutto. Mio zio ha detto che ora che sono cresciuto, potrei bere qualcosa ogni tanto. Non ho mai capito che intendesse l'alcol fino a quando mia madre non me lo ha spiegato più tardi. Pensavo che mi avrebbe dato da bere solo di tanto in tanto... Bevevo molta acqua al giorno ed ero preoccupato che mi avrebbe fermato.

Dopo un po' ho iniziato a sentirmi davvero divertente, riuscivo a malapena a tenere gli occhi aperti e quando ho cercato di entrare in bagno, riuscivo a malapena a camminare dritto.

Mio padre aveva ordinato un pacco di cibo da consegnare alla villa, in modo che potessimo rimanere in solitudine nella villa. Sapevo che solitudine significava solo, quindi significava che sarei stato nudo tutto il tempo. Quando mi viene detto di essere nudo a casa, di solito è solo quando la sua famiglia è a casa. Se abbiamo visitatori, devo mettermi un vestito, ma non le mutande. Posso indossare le mutande solo nella mia scuola.

Amavo la sensazione del sole sul mio corpo, ma mi assicuravo di rimanere all'ombra, perché non volevo bruciarmi.

Faceva ancora caldo all'ombra, e ho bevuto un altro bicchiere. La prossima cosa che ricordo è quando mi sono svegliato, doveva essere passato un bel po' di tempo perché si stava facendo buio. Il nonno era sul lettino accanto a me a tirargli il cazzo, e mentre guardavo in basso, mio ​​zio era tra le mie gambe, leccandomi la figa. Ho guardato attraverso e la mamma veniva fatta rimbalzare su e giù in grembo a mio padre, i suoi seni che rimbalzavano su e giù. Mamma e io ci siamo incrociati negli occhi e lei mi ha fatto un piccolo sorriso.

La mano del nonno si avvicinò e iniziò a stringere una delle mie tette, e la mano di mio zio si alzò e iniziò a stringere l'altra mentre la sua testa rimaneva tra le mie gambe. Mi sollevò le ginocchia in modo che i miei piedi fossero appoggiati sul lettino, e spinse le mie ginocchia aperte, e poi mi leccò e mi succhiò finché non provai di nuovo quella bella sensazione di formicolio. Ho adorato questo. Mio zio raramente mi dava la sensazione di formicolio, più spesso era il nonno. Ha morso le mie labbra scaltre e ne ha succhiato una nella sua bocca, e ha continuato a succhiare e mordere. Sono andato tutto formicolio e le mie gambe sono diventate gelatinose. Mio zio ha detto a mio nonno che sapeva che ero una puttana del dolore mentre raggiungevo l'orgasmo con lui ogni volta che mordeva la mia fica. Rimasi lì completamente esausto, le gambe che cadevano sul lettino. Mio zio si alzò dal lettino e andò a sdraiarsi dall'uno all'altro lato. Ha preso la mia mano e l'ha messa sul suo cazzo. Sapevo che voleva che lo accarezzassi su e giù, quindi l'ho fatto.

Storie simili

Rossa focosa

Il mio nome è Rachel. Ho 35 anni, 5'7 , 135 libbre, capelli rossi che mi superano le spalle, occhi azzurri, lentiggini, pelle bianca pallida (mi dispiace che le rosse non si abbronzino). Indosso un reggiseno taglia 36DD con bei capezzoli grandi ( è impossibile nasconderli) e tengo il mio cespuglio rosso curato e curato. Sean è il mio migliore amico, facciamo quasi tutto insieme. Siamo amici da anni e non è mai successo niente di sessuale tra di noi. Così quando abbiamo deciso di fare un viaggio a Las Vegas per festeggiare il mio divorzio, non ci ho pensato. solo...

1.6K I più visti

Likes 0

Emerge la cagna interiore

Lo ha incontrato al bar circa 10 minuti dopo l'orario stabilito. Le piaceva farli aspettare, le piaceva la sensazione di potere che le dava vedere lo sguardo di sollievo quando arrivava. Indossava un abito semplice e poteva vedere il sollievo misto a una certa delusione sul suo viso quando notò che non indossava gli stivali. Sorridendo tra sé, mantenne il suo sorriso distaccato e si avvicinò al tavolo. Rimase lì, lanciando uno sguardo mirato alla sedia mentre aspettava. Dapprima perplesso, alla fine si rese conto che avrebbe dovuto alzarsi quando lei si avvicinò. Alzandosi rapidamente, fece il giro del tavolo per...

830 I più visti

Likes 0

La proposta: obblighi rispettati

La proposizione: Gli obblighi vengono rispettati Jenny e io abbiamo dormito fino a domenica mattina. Erano passate le 10:00 quando finalmente siamo scesi dal letto. “Dopo la nostra doccia, cosa vorresti per colazione?” chiese Jenny mentre iniziava a rotolare giù dal letto. Ha poi avuto uno sguardo addolorato sul suo viso. OH! Uumm, Jim, onorerò il nostro patto. Puoi avermi quando vuoi, ma se per te va bene, possiamo fare qualcos'altro la prossima volta? Sono così dolorante, non sono sicuro di poter nemmeno camminare. Il suo dolore era abbastanza comprensibile. Ho dovuto spingere molto forte per sfondare il suo imene e...

751 I più visti

Likes 0

Holli e una vela serale

Holli mi ha incontrato all'estremità del molo... e il mio cuore ha perso un battito quando è scivolata alla vista. Era vestita per una serata a bordo della mia barca: semplici sandali da barca, un bel top azzurro e un paio di pantaloncini cachi molto comodi che le dondolavano facilmente sulle curve, accennando a ciò che aveva da condividere sotto. 5'9 con capelli biondi, gambe lunghe e un corpo atletico in forma, Holli era entrato nel mio mondo attraverso un pomeriggio magico che abbiamo condiviso sul lungomare di Vancouver. Questa serata è stata il risultato del mio invito perché ci eravamo...

634 I più visti

Likes 0

L'inizio di un nuovo stile di vita

Gli inizi di Dominatrix di Smokin Hot Beh, tutto è iniziato diversi anni fa, quando mio marito voleva che provassi un ruolo in camera da letto dove lui sarebbe stato sottomesso a me e io lo avrei dominato. Era un uomo molto impegnato al lavoro con molto stress e pressioni dal suo lavoro e ha detto che voleva solo un po' di sesso senza cervello per alleviare lo stress della giornata. Non ero sicuro che mi piacesse l'idea di avere un marito sottomesso, ma di tanto in tanto abbiamo provato alcune piccole cose. Il mio cuore non era davvero coinvolto e...

590 I più visti

Likes 0

Dovere coniugale

Ricordo ancora la prima volta che ho visto Sandra per la prima volta. Ero un giovane trasandato di vent'anni. Era una ragazza molto sexy di 22 anni. È venuta da me mentre stavo cercando di avviare la mia motocicletta Norton 750 Commando un po' capricciosa. Ha detto qualcosa a proposito del fatto che le piacciono le biciclette. Questo era tutto quello che avevo bisogno di sentire. Una bruna dall'aspetto attraente con grandi occhi marroni in un paio di jeans attillati che si avvicina a me e mi dice che le piacciono le biciclette. La mia vita ha preso una svolta positiva...

489 I più visti

Likes 0

La vendetta di Danni

La vendetta di Dani La leggera nebbia aggiungeva umidità all'aria. Il fresco della notte la avvolse come un asciugamano bagnato, facendole correre un brivido lungo la schiena. Era fortunata a conoscere così bene la zona, altrimenti si sarebbe facilmente persa. Guardò attraverso gli alberi la casa dove viveva, sorridendo leggermente all'unica candela elettrica accesa nella finestra della cucina. Dani Summers ricordava le notti in cui restava sotto quella finestra ad aspettare che Joel Fuller uscisse per vederla. Poteva ancora sentire il calore delle sue braccia avvolte attorno a lui, il sapore dei suoi baci, la pienezza del suo cazzo nella sua...

422 I più visti

Likes 0

Il mio ultimo respiro cap. 1

Amelia Il mio respiro sembrava pesante nel silenzio mortale che mi circondava. Le strade deserte sono immerse nell'oscurità totale e lasciano che le ombre e la fitta nebbia lo rendano estremamente spaventoso e sinistro. Non sapevo se avrei mai potuto smettere di correre, ma sapevo che presto avrei dovuto farlo, perché presto i miei polmoni e il mio cuore non ce la facevano più, perché mi sentivo come se fossi pugnalato con un coltello ad ogni respiro e passo che ho fatto. Ma non riuscivo proprio a fermare i piedi, perché ogni volta che cominciavo a camminare e cercavo di rilassarmi...

482 I più visti

Likes 0

UNISCITI AL SIGNORE OSCURO PARTE 2

Mi sono svegliato nella mia stanza dolorante dalla scorsa notte e ho preso gli occhiali e li ho indossati solo per scoprire che non riesco a vedere che è troppo sfocato, quindi li tolgo per scoprire che posso vedere meglio senza di loro. PAPÀ VIENI QUI PER UN SECONDO che cos'è figliolo non ho bisogno dei miei occhiali perché quello che è successo bene è della scorsa notte il signore oscuro era così felice che ti ha rifatto come ricompensa. Vai a guardarti allo specchio inciampo fuori dal letto, guarda nello specchio pieno e noto che ho perso molto peso, sembro...

1.7K I più visti

Likes 0

Il debito e il suo prezzo elevato

'Come mi sono cacciato in questo?' pensa Jerry mentre rimane seduto a fissare la busta davanti a lui. Non l'ha ancora aperto, ma sa da chi viene. Dopo un po' lo raccoglie e lo guarda ancora un po', rigirandolo tra le mani. Sembra proprio come tutti gli altri. Semplice bianco, timbro regolare e nessun indirizzo di ritorno. Lo apre dopo circa due ore che lo guarda, temendo cosa c'è dentro. Quello che tira fuori è peggio di quanto avrebbe immaginato. Ha in mano una foto di sua figlia di 18 anni, Kali. Anche in queste circostanze non può fare a meno...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.